Perch
28.06.2011 | ScView10: Giorgia Lauricella | ScView11: Curiosità

Il drago di Terni

Viveva un tempo, a Terni, una creatura stana e malvagia, il drago Thyrus. La diabolica creatura uccideva contadini e passanti, fino a quando la città non riuscì a liberarsene. Il fascino della leggenda è che certo ha un piccolo fondo di verità, legato alle molteplici paludi che esistevano nei dintorni di Terni.

La leggenda racconta che il terribile Thyrus si aggirava nei dintorni della città di Terni, soprattutto nelle zone paludose, nelle quali trovava cibo e persone da uccidere e minacciare. Nessuno era mai riuscito se non a distruggere, neppure ad allontanare il pericoloso drago. Ogni consiglio degli anziani che si svolgeva a Terni, aveva come ordine del giorno la lotta a Thyrus. Ma gli abitanti del borgo temevano il drago e non avevano il coraggio di affrontarlo. Un giorno un giovane valoroso, stanco di assistere alla morte dei suoi concittadini e allo spopolamento di Terni, affronto il drago e lo uccise.

Ogni leggenda ha un fondo di verità e affonda le sue radici nelle vicende storiche del territorio in cui nasce. Quando non ci si spiega un determinato fenomeno naturale, quando l'esperienza non è sufficiente a trovare la verità, quando le paure sono troppo grandi per essere razionalizzate, là sorgono le leggende in Umbria come in ogni parte d'Italia e del mondo.

Il drago, con il suo alito pestilenziale che uccideva gli abitanti di Terni è probabilmente la personificazione di quanto poco salubri fossero le paludi nei dintorni, a quell'epoca. Prolificavano infatti ogni tipo di insetti, portatori di gravi malattie, come le zanzare della malaria. Thyrus era solo il nome con il quale i ternani chiamavano la malattia, e, non sapendo come questa si contagiava e da dove provenisse il mortale morbo, imputavano la causa ad un animale sconosciuto e leggendario, famoso per essere portatore di disgrazie: il drago.

Thyrus resta nello stemma della città di Terni, presenza non più pericolosa ma che la città mostra ora con orgoglio.

 





ScView12:





ScView7:

 


ScView8: